Via di Rosano 16/A - 50065 Pontassieve (FI) • Tel. 0558368068 • Fax: 0558316444
Cod. Mecc. FIIC870003 • e-mail: fiic870003@istruzione.it

Sportello d'ascolto

DOTT.SSA IRENE DI GIROLAMO

PSICOLOGA dello sviluppo e dell’educazione - Iscritta all’Albo degli Psicologi della Toscana n.5245

SEDE: STUDIO L’ALBERO - Via Guido Reni 12 b 50065 Pontassieve

C.F. DGRRNI79S47D612T - P.IVA 06159720488

PROGETTO SPORTELLO D’ASCOLTO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MARIA MALTONI PONTASSIEVE

La Legge n° 162 del 26 giugno 1990 ha istituito il C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza), più comunemente chiamato Sportello di Ascolto. Questo servizio dovrebbe funzionare in tutte le scuole e dovrebbe avere il compito di fornire attività di prevenzione, informazione, sostegno e consulenza, rivolte a tutte le componenti scolastiche. Vale a dire che allo sportello d’ascolto si possono rivolgere gli studenti, i genitori e i docenti.

1. OBIETTIVI

Obiettivi generici:

Creare un luogo di ascolto attivo, consulenza e sostegno rivolto agli insegnanti e ai genitori degli alunni, dove poter chiarire i dubbi e le preoccupazioni riguardo alle difficoltà (didattiche, comportamentali ed emozionali) incontrate nel percorso alla scuola secondaria di primo grado e ricevere eventuali informazioni e consigli.

Favorire la cooperazione tra scuola e famiglia.

Promuovere il benessere psico-fisico di alunni, insegnanti e genitori.

Obiettivi specifici per gli insegnanti:

Fornire una rete informativa e di sostegno sulle difficoltà comportamentali e di apprendimento degli alunni.

Individuare le strategie di intervento più adeguate alla gestione del singolo alunno e del gruppo classe.

Aiutare gli insegnanti e sostenerli nel riconoscimento dello stress da lavoro correlato e fornire loro le strategie per reagire in maniera costruttiva al disagio.

 Obiettivi specifici per i genitori:

Aiutare i genitori nel riconoscimento e nell’accettazione di determinate difficoltà didattiche, emozionali o comportamentali dei figli.

Sostenerli nella ricerca e promozione di “piccoli cambiamenti”.

Sostenerli nella prevenzione del disagio e dell’abbandono scolastico, correlati e non ai DSA.

Obiettivi specifici per il “SISTEMA SCUOLA-FAMIGLIA”

Istituzione del patto “Scuola e famiglia in armonia” per migliorare il benessere dell’alunno che presenta delle difficoltà comportamentali ed emozionali.

Verrà progettato dal GLI, dalla psicologa in collaborazione con il CRED di Pontassieve.

Il patto coinvolgerà la famiglia e la scuola le quali, coordinate dalla psicologa, condivideranno strategie comportamentali, emozionali e didattiche da mettere in atto per migliorare il benessere dell’alunno.

Il patto comprenderà dei termini di durata e di verificabilità.

In poche parole intenderei creare un luogo per docenti e genitori di accoglienza, ascolto, empatia, motivazione e ricerca attiva di strategie per reagire in maniera costruttiva al momento di disagio.

2. MODALITA’DI ACCESSO

Per i professori la cui richiesta è una consulenza per la classe:

Il consiglio di classe individuerà una determinata difficoltà su cui è necessario agire.

Il coordinatore richiederà un colloquio.

Il coordinatore e la psicologa si confronteranno e definiranno le varie modalità di intervento. Decideranno insieme se coinvolgere o meno i genitori degli alunni.

Per i professori la cui richiesta è una consulenza motivata da situazioni di stress da lavoro correlato: Il professore contatterà direttamente la Dott.ssa.

Per i genitori:  Contattare per appuntamenti  la vice Preside ai numeri 055 8369902-8368049 oppure tramite e-mail indirizzata a vicaria@direzionepontassieve.org

Il servizio di SPORTELLO per i genitori ha carattere puramente INFORMATIVO. Lo psicologo non prenderà alcuna nota scritta di quanto emerso dal colloquio con il genitore.

Avendo come obiettivo primario quello di fungere da collante tra scuola e famiglia e di migliorarne i rapporti, i “temi” dei vari incontri con i genitori verranno riportati alla Dirigente Dott.ssa Tiziana Torri, in maniera totalmente anonima. Per ulteriore chiarezza specifico che verrà riferito soltanto il TEMA in maniera estremamente sintetica, ad es: incontro per richiedere informazioni su diagnosi DSA, incontro per richiedere informazioni su un comportamento inadeguato, su una difficoltà emozionale del proprio figlio…

Se il genitore intende coinvolgere la Dirigente o il consiglio di classe, la psicologa può fungere da mediatore, a seguito della firma del consenso informato e di un’autorizzazione scritta.

Per l’istituzione del patto “Scuola e famiglia in armonia”

I docenti o la famiglia potranno richiedere un incontro per l’istituzione del patto.

Se la richiesta viene dalla famiglia verranno coinvolti anche i docenti e viceversa.

 

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.